Comune di Villacidro - Comunicazione - 165/2022

Mostra Bibliografica Bachisio Bandinu dal 6 al 28 giugno 2022

Oggetto: Mostra Bibliografica Bachisio Bandinu dal 6 al 28 giugno 2022

Anno
2022
Settore
Pubblicazioni Generali
Tipo
Comunicazione
Numero
165
Data Inizio Pubblicazione
06/06/2022
Data di scadenza
Validato e pubblicato da
Pierpaolo Salaris

L'Ufficio di Lingua Sarda della Provincia de Sud Sardegna in collaborazione con il Sistema Bibliotecario "Monte Linas" organizza la mostra Bibliografica personale "Bachisio Bandinu" che sarà visitabile dallo 8 Giugno 2022 sino al 28 Giugno 2022 presso la Biblioteca Comunale "A. Gramsci" di Villacidro, via Regione Sarda 61. La mostra è dedicata alle opere di Bachisio Bandinu (Bitti 22 Febbraio 1939) antropologo, giornalista e scritore.

Bachisio Bandinu
Nel 1967 consegue la laurea in Lettere e Filosofia presso l'Università di Cagliari con una tesi dal titolo "Antonio Fogazzaro e il modernismo". Nel 1971 si diploma in Giornalismo con un elaborato dal titolo "Montale giornalista" presso la Scuola Superiore delle Comunicazioni Sociali dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Nello stesso istituto, nel 1973 si diploma in Radio e Televisione. Nel 1972 si iscrive all'Ordine dei giornalisti della Lombardia, nel 1987 all'Ordine dei giornalisti della Sardegna.
Esponente non accademico della Scuola antropologica di Cagliari, allievo di Ernesto de Martino e di Alberto Mario Cirese al pari dei suoi coetanei Giulio Angioni e Placido Cherchi, è studioso di cultura tradizionale della Sardegna interna in trasformazione repentina negli ultimi decenni, e si occupa in particolare di questioni d'identità culturale e politica. Fra il 1965 e il 1987 insegna Lettere presso l'istituto tecnico industriale di Varese. Poi, fino al 1997, è docente dell'istituto tecnico "Pertini" di Cagliari. Dal 1973 al 1985 collabora con il  Corriere della Sera.
Nel 1976 ha scritto, con Gaspare Barbiellini Amidei il saggio Il re è un feticcio, nel quale analizza il rapporto tra il mondo tradizionale della pastorizia e la civiltà dei consumi in Sardegna. Nel 1980 ha pubblicato Costa Smeralda, contributo all'analisi del rapporto tradizione/innovazione. Nel 1993 ha vinto il Premio Funtana Elighes e nel 1999 è stato nominato direttore de  L'Unione Sarda ruolo ricoperto fino al 2001.

È presidente della "Fondazione Sardinia" e da anni risiede a Olbia.

Pubblicazioni
•    Costa Smeralda. Come nasce una favola turistica, Rizzoli, Milano, 1980.
•    Un sardismo da inventare, in Le ragioni dell'utopia. Omaggio a Michelangelo Pira, pp. 121-139, Giuffrè, Milano, 1984.
•    Narciso in vacanza. Il turismo in Sardegna tra mito e storia, in I griot, 2ª ed., AM&D, 1996,
•    Il cavallo. Memorie, sogno, storia, 1995.
•    Lettera a un giovane Sardo, La Torre, Cagliari, 1996.
•    Gennargentu, la città invisibile, in L'Unione Sarda del 18.1.1997.
•    Olbia città multietnica, (con G. Murineddu e E. Tognotti), AM&D, Cagliari, 1997.
•    Visiones. I sogni dei pastori, AM&D, Cagliari, 1998.
•    Ballos, Frorias, Cagliari, 2000.
•    Mario De Biasi. Viaggio dentro l'isola, (con Alfonso Gatto e Giuseppe Dessì), Ilisso, 2002.
•    Il re è un feticcio, Ilisso, Nuoro, 2003.
•    Placido Cherchi e Michele Pinna, Identità cultura scuola, Selargius, Domus De Janas, 2003,
•    La maschera, la donna, lo specchio, Spirali, 2004.
•    Raffaello Sanzio e Sandro Trotti, Spirali, 2006.
•    Pastoralismo in Sardegna: cultura e identità di un popolo, in Soliana, Sestu, Zonza Editori, 2006
•    Il quinto moro. Soru e il sorismo, Selargius, Domus De Janas, 2007
•    Don Antonio Pinna e Padre Raimondo Turtas, Lingua sarda e liturgia, Selargius, Domus De Janas, 2008.
•     Pro s'indipendèntzia, in Libristante, Il Maestrale, 2010.
•    Noi non sapevamo. Lingua, turismo, industria, basi militari, ambiente., Il Maestrale, 2016.
•    Sa manu de s'umbra, Domus de Janas, 2016
•    Lettera a un giovane sardo sempre connesso, Domus de Janas, 2017.
•    Intragnas. Ite parimus? / La scena nascosta. Come ci vediamo?, Il Maestrale, 2021.
•    Feminas, né fata, né strega, Fondazione Culturale Sardinia,  2021.
 

 

S'Ufítziu de Língua Sarda de sa Províntzia de su Sud Sardigna in collabboratzioni cun su Sistema Bibliotecàriu “Monti Linas” organizat s'ammosta bibliogràfica  personali “Bachisio Bandinu” chi si fait de mércuris 8 de Làmparas fintzas a su 28 de Làmparas  2022, in sa Biblioteca Comunali “Antonio Gramsci”, bia Regione Sarda 61, Biddacidru. S'ammosta est dedicada a is òperas de Bachisio Bandinu ( Bitzi, 22 de Friaxu 1939)  antropólogu, giornalista e scritori.

Bachisio Bandinu
In su 1967 pigat sa Làurea in Líteras e Filosofia in s'Universidadi de Casteddu cun una tesi intitulada "Antonio Fogazzaro e il Modernismo". In su 1971 si diplomat in Giornalismu cun unu trabballu intitulau "Montale giornalista" in sa Scola Superiori de is Comunicatzionis sotzialis de s'Universidadi Católica de su Sacru Coru de Milanu. In su matessi istitutu, in su 1973, si diplomat in Ràdiu e Televisioni. In su 1972 si iscrit a s'Órdini de is Giornalistas de sa Lombardia e in su 1987  a s'Órdini de is Giornalista de sa Sardigna. Esponenti académicu de sa scola Antropológica de Casteddu, allievu de Ernesto De Martino e de Alberto Mario Cirese a su pari de is fedalis suus Giulio Angioni e Placido Cherchi, est studiosu de Cultura Traditzionali de sa Sardigna interna in  cambiamentu costanti  in is úrtimus decénnius, e si òcupat pruschetotu de chistionis de identidadi culturali e política. Intra de su 1965 e su 1987 insénniat in s'Istitutu Técnicu Industrali de Varese. Apustis, fintzas a su 1997, est insennianti in s'Istitutu Técnicu "Pertini£ de Casteddu. De su 1973 a su 1985 collabborat cun su "Corriere della Sera".
In su 1976 at scritu cun Gaspare Barbiellini Amidei  " Il re è un feticcio", innui analizat su raportu intra de su mundu traditzionali de sa pastoria e sa tzivilidadi de is condumus in Sardigna.
In su 1980 at pubblicau "Costa Smeralda", cuntribbutu a s'analisi de su raportu traditzioni/innovatzioni.
In su 1993 at bintu su Prémiu Funtana Elighes" e in su 1999 dd'ant nominau diretori de  "L'Unione Sarda", rolu chi apoderat fintzas a su 2001.
Est Presidenti de sa "Fondazione Sardinia" e de annus bivit in Terranoa.

Publicatzionis
•    Costa Smeralda. Come nasce una favola turistica, Rizzoli, Milano, 1980.
•    Un sardismo da inventare, in Le ragioni dell'utopia. Omaggio a Michelangelo Pira, pp. 121-139, Giuffrè, Milano, 1984.
•    Narciso in vacanza. Il turismo in Sardegna tra mito e storia, in I griot, 2ª ed., AM&D, 1996,
•    Il cavallo. Memorie, sogno, storia, 1995.
•    Lettera a un giovane Sardo, La Torre, Cagliari, 1996.
•    Gennargentu, la città invisibile, in L'Unione Sarda del 18.1.1997.
•    Olbia città multietnica, (con G. Murineddu e E. Tognotti), AM&D, Cagliari, 1997.
•    Visiones. I sogni dei pastori, AM&D, Cagliari, 1998.
•    Ballos, Frorias, Cagliari, 2000.
•    Mario De Biasi. Viaggio dentro l'isola, (con Alfonso Gatto e Giuseppe Dessì), Ilisso, 2002.
•    Il re è un feticcio, Ilisso, Nuoro, 2003.
•    Placido Cherchi e Michele Pinna, Identità cultura scuola, Selargius, Domus De Janas, 2003,
•    La maschera, la donna, lo specchio, Spirali, 2004.
•    Raffaello Sanzio e Sandro Trotti, Spirali, 2006.
•    Pastoralismo in Sardegna: cultura e identità di un popolo, in Soliana, Sestu, Zonza Editori, 2006
•    Il quinto moro. Soru e il sorismo, Selargius, Domus De Janas, 2007
•    Don Antonio Pinna e Padre Raimondo Turtas, Lingua sarda e liturgia, Selargius, Domus De Janas, 2008.
•     Pro s'indipendèntzia, in Libristante, Il Maestrale, 2010.
•    Noi non sapevamo. Lingua, turismo, industria, basi militari, ambiente., Il Maestrale, 2016.
•    Sa manu de s'umbra, Domus de Janas, 2016
•    Lettera a un giovane sardo sempre connesso, Domus de Janas, 2017.
•    Intragnas. Ite parimus? / La scena nascosta. Come ci vediamo?, Il Maestrale, 2021.
•    Feminas, né fata, né strega, Fondazione Culturale Sardinia,  2021.
 

Tag:
Documenti allegati
Documenti allegati
LOC. Mostra BIBL. BANDINU.pdf (1418.22 KB)
Torna all'elenco

Attenzione!
Per l'utilizzo (visualizzazione, stampa, ricerca, etc.) dei documenti pubblicati, è necessario avere installati sul proprio computer, gli appositi programmi di visualizzazione. Per poterli scaricare liberamente è sufficiente portarsi alla pagina Programmi utili del portale comunale e seguire le istruzioni riportate.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto